Al cinema "Meno male che ci sei"
Autore: Vittorio
Data: 23-11-2009


[www.ansa.it]
Uscirà in 200 copie venerdì distribuito da Universal 'Meno male che ci sei', opera seconda del regista spagnolo Luis Prieto autore di quel 'Ho voglia di te' commedia giovanilistica che ha incassato nel 2007 oltre 15 milioni di euro. Questa volta il regista mette mano all'omonimo romanzo di Maria Daniela Raineri (Sperling & Kupfer) per raccontare, con protagonista una brillante Claudia Gerini, non solo la storia di Allegra (Chiara Marteggiani) adolescente con i problemi tipici della sua età, ma anche la vita scoppiata di tanti quarantenni che al pari dei giovani hanno ancora da superare tutte. Nel film prodotto dalla Cattleya in collaborazione con Focus Features International, anche la partecipazione di Stefania Sandrelli.

GERINI: IO AMANTE E MAMMA PER LUIS PRIETO - di Francesco Gallo - In 'Meno male che ci sei' di Luis Prieto (autore di quel 'Ho voglia di te' che nel 2007 ha sbancato il box office) un'idea davvero originale c'é. Quella che un'amante piena di boccoli e moine come Luisa (Claudia Gerini) possa crescere con molto giudizio la figlia adolescente dell'uomo che ha amato segretamente da sposato. Anche quando questo non c'é più perché morto insieme alla legittima consorte in un disastro aereo. Il film, prodotto da Cattleya e distribuito da venerdì da Universal in 200 copie, infatti racconta come Allegra (Claudia Martegiani, che viene dal vivaio di 'Amici') vada a trovare questa donna che amava tanto il padre e di cui scopre l'esistenza tramite una e-mail. E una volta nella sua casa da donna single troverà in lei quella famiglia che non ha più.

Tratto dall'omonimo romanzo di Maria Daniela Raineri (Sperling & Kupfer), il film si rivolge però a due distinti pubblici. Ovviamente quello giovanilistico con la storia dell'amore difficile di Allegra per il bel Gabriele (Alessandro Sperduti) e poi quello più adulto con le avventure della Gerini e delle sue amiche quarantenni in crisi anche per la reiterata inaffidabilità maschile (altro tema forte di questo commedia). 'In comune con il personaggio di Luisa - spiega la Gerini - ho il fatto che ho una grande fiducia nel prossimo. Insomma mi sento un donna 'albicoccà, accogliente, e non una donna 'noce'. Una cosa che, alla fine, comunque rende vincente Luisa". E continua: "il film è bello perché il mio personaggio all'inizio sembra solo una fallita, ma anche una donna capace di prendere in casa senza alcun sospetto una ragazza di cui in fondo non sa nulla. Queste due donne - continua la Gerini - alla fine si ritroveranno a proteggersi l'un l'altra e a diventare un vero e proprio nucleo familiare".

Il regista non ha invece alcun complesso di eguagliare il successo di 'Ho voglia di te': "ho letto la sceneggiatura e mi é piaciuta, nessuna voglia di confrontarmi con quel film". Ma a chi gli chiede se 'Meno male che ci sei' possa essere visto non solo come una storia di amore adolescenziale, ma anche come un film almodovariano, dice solo:" il mio un melòall'almodovar? Non si possono fare certi paragoni: lui è grande regista ed è bravo nel raccontare storie di donne. Una cosa però mi accomuna a lui: sono cresciuto anche io in un mondo in cui le donne erano forti". Intanto per questo film dalla doppia anima (giovanilistica e di quarantenni in crisi) anche una promozione con doppio manifesto. Nel primo Allegra, insieme al suo giovane amore Giovanni, e, nell'altro, la Gerini con la 'figlioccia' Allegra.


E-mail: vittorio.romeo@tin.it
 

Google
web sul sito

Hai dimenticato username o password?

Copyright © 2003 Afterlife Tutti i diritti riservati - info@afterlife.it